You are currently browsing the tag archive for the ‘Pulcinella’ tag.

Scrivere testi per il teatro dà all’autore una palestra, quella di pensare per immagini o per i sogni fatti ← (guardate cosa dice David Lynch a riguardo). A volte si scrive anche per quello che si vede, e poi lo si racconta; e così che è nato un progetto a quattro mani con una giovane attrice italiana di scrivere piccoli dialoghi in ascensore, di quelli che imbarazzano gli americani, i cosiddetti Small Talks, di cui presto ve ne darò qualche anticipazione. Un’altro esercizio per un autore, che sia di teatro o di cinema, è quella di adattare anche qualcosa di già scritto.

Un esempio è il mio lavoro di scrittura dietro le quinte che ancora continua con la compagnia di Commedia dell’Arte Pazzi Lazzi, dove ci siamo dati un compito, quello di adattare in inglese sul palco la decima novella del quinto giorno del Decamerone di Boccaccio. In questa novella esisteva un equivoco, ma ho inserito una trovata di palcoscenico che non esisteva appunto nella versione originale, ed è questa: la moglie, all’arrivo del marito, nasconde il suo amante nella stalla ed essendo una fattucchiera con un incantesimo lo trasforma in asino. La storia poi procede con un monologo della moglie dove spiega di non essere soddisfatta sessualmente dal coniuge perché si scopre che lui si era sposato solo per coprire la vergogna di essere un femminiello. Il marito, da dietro le quinte, sente ragliare, e nel chiamare la sua amata avvertendola del suo arrivo va verso la stalla e le urla da fuori scena che finalmente ha trovato un garzone che piace anche a lui, lei pensa che suo marito sia ironico, avendo scoperto l’amante di lei nella stalla, ma essendo lui uno a cui non piacciono le donne, quando entrano in scena insieme all’animale, scopriamo che il marito parlava in realtà dell’asino e la moglie si era invece riferita al suo amante.

Come si sviluppa la storia? La faremo provare sul palco dalle improvvisazioni degli attori.

Perché ogni personaggio cambia in base anche alle proprie sensibilità. Dicevo appunto che spesso si scrive per raccontare, secondo se chi guarda si trovi in una terra che sente propria o da emigrato. Ricordate l’americano che distorce le ricette italiane e che il comico Checco Zalone distrugge? Per lo stesso effetto comico, la messa in scena cambia luogo o maschera ma il messaggio indiretto (gli stranieri che cambiano le ricette italiane) arriva allo spettatore come nel mio personaggio del Cuoco che sbaglia le ricette ← avendolo fatto diventare francese in una mia apparizione per l’annuncio della versione Tv del programma radio di cui ero il conduttore due anni fa.

Ma ritornando sempre al pensare per immagini, anche senza che d’impatto possano all’inizio descrivere per forza qualcosa al lettore o che rimandi subito a qualcosa che il lettore ricordi (ma più tardi nello sviluppo del racconto forse si) la trasformazione della trovata in un simbolo, come in un incantesimo o una magia nella storiella adattata del Decamerone, dà a chi racconta un senso di distensione, e il lettore pensa che stia per succedere qualcosa. A questo pensavo mentre camminavo sulla West side di New York, vicino la Cattedrale di St. John dove ci si può imbattere in questo pavone bianco randagio. Non si sa da dove viene, tutti i bambini ci giocano. E lui fiero si lascia guardare.

IMG_0836

Pensate all’effetto che fa questo animale dalla provenienza sconosciuta. Pensate al fatto se potesse parlare, proprio sotto incantesimo come la moglie con l’amante nella novella del Boccaccio di prima. Pensate ora a una figura fanciullesca, di rottura, di irriverenza che può avere un giullare che interagisce con la folla appena descritta, potrebbe essere il ruolo che fu di Pulcinella,← come in un’altra mia apparizione sempre per l’annuncio della nuova stagione del programma radio-tv L’Italia Chiamò – un piccolo pulcino dal naso ricurvo, o forse un buffone contadino la cui fisionomia si identifica nel naso lungo e la faccia annerita dal sole, nel vestiario composto da un largo pantalone in tela bianca ed una camicia dello stesso colore, e nei tratti comportamentali per la sua sensualità accentuata, l’ingordigia, la goffagine associata all’arguzia e l’eccessiva loquacità.

Il ruolo di questa maschera nel teatro ha sempre assunto caratteri innovativi ogni volta creando disordine nell’interpretazione di padroni, principi, donne, accademici, dottori, avvocati, poeti. Con la sua trasgressività ed il travestitismo, Pulcinella ha ammonito i sovrani che fondavano il potere sull’arbitrio, denudato i militari della loro superbia, denunciato le diseguaglianze della giustizia ed espresso liberamente i suoi desideri e i suoi sentimenti. Nei dialoghi invece Pulcinella spesso infrange le regole convenzionali del linguaggio, rimanendo vittima della sua distrazione, dei suoi errori, della sua furbizia. (come ci racconta Francesco Buccaro su L’ItaloAmericano)

Se volete sperimentare nella scrittura creativa, andate a trovare canovacci anche in inglese ← e guardateli come potrebbero essere messi in scena. Pirandello, da vero capocomico, completava la scrittura delle sue novelle anche in questo modo. Il finale o lo sviluppo di una storia su carta è da ricostruire molto spesso sulla scena, raccontandola come la vedono il corpo degli attori.

Su quanto invece i canovacci fossero realmente improvvisati non lo sappiamo, come dico in questo video agli studenti del corso online di italiano dell’Università di Wellesley, Massachusetts – e come dice anche Micke Klingvall nel suo sito di storielle tratte dalla Commedia dell’Arte ← dove spiega che la gestualità e le espressioni erano una performance che cambiava in base al pubblico differente, ma molti testi erano scritti in modo sommario. Ed improvvisare un dialogo raccontando anche solo le immagini, come dicevo all’inizio, dà allo scrittore la forma mentis per reagire alla paura del foglio bianco: le parole usciranno fuori da qualcuno, anche dalla visione di un pavone bianco trovato per strada e che ci guidi verso una viuzza sconosciuta.

Che sia insomma un dialogo boccaccesco, o uno fatto di pause imbarazzanti come le banalità che ci si dice a un funerale o dallo studio del medico, c’è sempre uno scenario nascosto dentro un’ immagine. Basta pensarla e la fattucchiera che è dentro l’autore la reciterà sotto forma di una formula magica chiamata fantasia.

 

PazziLazzi compagnia di Commedia dell'Arte

Messaggio di fine anno dei PAZZI LAZZI e discorso alla nazione a reti disunificate.

“Ogni fine anno non è mai l’ultimo da celebrare”, dice ogni 31 dicembre il vecchio trombone, il vecchio politico canuto, il vecchio commerciante mai stanco di cedere il passo alle nuove generazioni. In realtà non lo dicono, ma lo pensano. Ogni capodanno sperano che siano immortali, che si arricchiscano sempre di più al danno dei più deboli, che si cibino fino all’esasperazione e che si circondino di amanti nobili sempre più giovani.

È questa la scoperta che, noi troupe dei Pazzi Lazzi, abbiamo fatto nel rinvenire un prezioso documento segreto che oggi ci sentiamo di rendere pubblico. Avevamo pensato di fare la soffiata a Wikileaks, o ad altri giornalisti. Ma il fatto di rappresentare quella piccolissima percentuale di cervelli in fuga, di talenti artistici che sono passati da questo sponda dell’oceano per calcare altri palchi in grado di soddisfare meglio le proprie panze, non ci sentivamo di regalare la scena ad altri commedianti. È stato un lungo lavoro di spionaggio, i nostri Zanni hanno lavorato come segugi, fiutando indizi, scartabellando falsi documenti, verificandone altri. Ed eccolo qui il documento che svela le trame più intricate di quest’anno, ve lo postiamo come messaggio di fine 2013 e che in quanto troupe Pazzi Lazzi decidiamo di comunicare agli italiani in un discorso a reti disunificate. Perché disunificate? Non sappiamo nemmeno cosa significhi, a dire il vero. Ma come tutte le nostre scoperte, tra scherzi e lazzi, queste trame a reti disunificate si avvicinano sempre alla verità.

documento teatrale storicoBoston, Massachusetts – 31 dicembre 2013

Cari italiani, con mano tremante scrivo queste poche righe con l’auspicio che qualcuno lo legga. E spero venga rinvenuto non tra le bettole che ho frequentato in questi anni, né tra le nobili reggie che ho bazzicato le notti per raccimolare qualche soldo dai benestanti. Troppo pericoloso: ognuno potrebbe manometterlo a proprio piacimento per comunicare la propria di verità. Per questo motivo lo lascio su un palco: mi fido solo di teatranti, sono i soli che possano comunicare, fingendo, quello che ho visto e sentito.

Se solo sapessi in questo momento che qualche attore sbandato di compagnia l’avesse rinvenuto, scriverei con più coraggio. Se invece qualcuno mi spiasse dicendomi che questo foglio sarà arrivato alla corte di chi so io…ah, non voglio nemmeno pensarci!

Vado al dunque. Voglio svelarvi i segreti di un pugno di personaggi che ho conosciuto da un viaggio in Italia, durato circa 30 anni. Sono persone note.

Ho conosciuto una ragazza di nome Colombina che di lavoro aveva una specializzazione: non riuscire ad arrivare a fine mese! Questa povera precaria, ho avuto modo di vederla in azione una volta travestita persino da Generale di Corpo d’Armata nelle parate del 2 giugno. Io pensavo fosse per  sbarcare il lunario e invece era per far finta di corteggiare l’amante del suo ragazzo, un militare pizzaiolo di nome Pulcinella, e per convincerla a prendere una nave da crociera. Il nome della nave non la ricordo, ma ricordo che ne menzionò il capitano, credo si chiamasse Scattino, o Scuttone o Scuttino…

Lei è la fonte dei seguenti segreti qui spifferati di mio pugno. Lei era la donna delle pulizie al soldo delle conventicole italiane di cui il Bel Paese soffre.

La Nobildonna Santa Flaminia che tutto il mondo conosce alla corte del magnate dei tessuti Salasso dei Pratoni, famoso per le esportazioni anche di prosciutti nelle Americhe, in realtà per tutto il tempo espone i suoi gioielli ai suoi amanti. Presto sarà candidata alle elezioni politiche e tutte le schede saranno manomesse, il complotto è già stato orchestrato dai suoi seguaci.

Il mercante Pantalone Sbirrusconi tutte le notti sogna, o si dovrebbe dire fa degli incubi, che le sue casseforti si aprino come un panetto di burro. Questo perché tutte le notti, un tizio di nome Arlecchino, amico di Colombina, cerca di rubare l’incasso delle scommesse clandestine frutto del lavoro astuto dello Sbirrusconi.

Il Professore bolognese Giadalberto Panzone, il famoso dinosauro che prese parte nel ruolo di se stesso al film “La Meglio Gioventù”  non è altro che un impotente. Non è andato in pensione solo perché doveva lasciare il suo posto di professore universitario al figlio laureatosi con i voti più bassi. Eccone una prova documentata:

Spero che queste tre verità vengano rappresentate in scena in un’altra lingua, magari l’americano, per farne conoscere le vergogne all’estero.

Lascio il foglio inserito nella feritoia della buca del suggeritore. Cosciente che il suggeritore, il grillo parlante migliore possa essere il pubblico votante che applauda alle loro sceneggiate.

                                                                                                                             Anonimo.

buca del suggeritore

Qui la buca del suggeritore dove abbiamo scoperto il documento

Tutti pubblicano classifiche, tutti amano sintetizzare informazioni oggi nell’era digitale. La prima volta che ho pensato ad una mia classifica, forse interminabile, delle differenze percepibili dagli italiani all’estero e per mia esperienza, nel Massachusetts statunitense, è stato quando ho letto le 10 cose che odio leggere alla mattina su Facebook, pubblicato dal critico televisivo Gianluca Nicoletti:

1) Il buongiorno agli amici di Facebook (che nemmno ti cagano) ovunque essi siano
2) Il menu della prima colazione: “oggi succo di papaya, pane integrale, confettura di corbezzolo ecc” Nessuno che scriva “cornetto di gomma e caffè acido”
3) La finta apprensione per le tante cose da fare: “oggi non avrò tempo per respirare…”
4) Allusioni a passate o future (improbabili) intime dazioni
5) Misteriosi accenni a stati d’animo vagamente amorosi perchè qualcuno legga e capisca
6) Descrizione di abiti, scarpe, accessori indossati
7) Descrizione dello sputo di cielo sulla propria testa come se l’ autometeo fosse socialmente utile
8) Frase simbolica e profonda già logora per il compulsivo copia/incolla che il mondo ne fece
9) Facezie, battute, slogan, barzellette, link buffi a qualcosa che riguardi berlusconi
10) Scrivere decaloghi di ogni tipo

La mia di classifica è basata però più che altro su quello che noi italiani a Boston e dintorni ci stupisce una volta varcata la frontiera da emigranti per motivi di lavoro o di amore, su ciò che ci indigna per le informazioni che girano in rete su di noi, per le sorprese di vederci diversi, o fors’anche per le conferme sui pregiudizi. Questi 10 sono i più comuni. Ma segnalatemene altri se ve ne ricordate qualcun altro.

1 – La guida incompleta di uno scemo all’uso del bidet ←  è un’esilarante link postato dall’ormai gemella blogger un’americana a Roma . Ci si meraviglia come ci sia gente fuori dall’Italia che si sente superiore a non usare il bidet ← e ad ignorarne i motivi per cui usarlo.

2 – Le 31 domande che potrebbero cambiarti la vita ← pubblicate da NinjaMarketing sono le più “americane” in quanto ad effetto perché ti fanno mettere in discussione, e noi italian expats lo siamo molto oltralpe. Tra le prime cinque spiccano «Stai veramente facendo quello che desideri? – Hai un sogno nel cassetto? – Sei orgoglioso di quello che hai fatto fin’ora? – Quante promesse hai fatto e quante ne hai mantenute? – Qual è la cosa che avresti voluto fare più di tutte e non sei mai riuscito a fare? Perché? »

3 – Le 10 ragioni per cui dovresti sposare uno straniero come ho fatto io ←  vantano le comodità di aver avuto due feste di matrimonio, avere un accento, sembrare sofisticati ai parenti dell’amato/a, i figli parleranno più di una lingua. Son cose che dovrebbe leggere mia moglie.

D’altro canto la stessa blogger ha pubblicato anche le 10 ragioni per cui non bisogna sposare uno straniero come ho fatto io ← Son cose queste che invece mia moglie non dovrebbe leggere, non solo perché viene coinvolto il fattore costo del biglietto aereo per visitare i parenti.

4 – Questo è il drammatismo a cui gli stranieri in linea di massima si ispirano quando vogliono rappresentare l’amore vissuto nel BelPaese: una coppia italiana che litiga a suon di gelato diventa l’isterismo sofialorenico triplicato nell’amore litigarello

5 – Sui barbarismi dell’inglese nell’italiano ne avevo già parlato ← Ma non solo nell’italiano esistono calchi di prestiti in inglese, qualche volta è stato l’italiano ad aver regalato parole presenti nella lingua inglese ←  e nemmeno gli anglofoni lo sanno. Questo capitò in un’epoca quando l’Italia attraeva talenti dall’estero, durante il Rinascimento. Non ora.

6 –  Il Dalai Lama che svela il suo sogno di voler vivere una seconda vita in Italia.

7 – Le ricette gastronomiche di falso cibo italiano ← ma che dell’Italia si ricordano solo l’odore del basilico (quando si è fortunati)

Pare anche Repubblica non sia sfuggita a pubblicare gli errori e stereotipi americani sulla cucina italiana

Un bel blog di studenti ha pubblicato anche le sue 10 regole per mangiare in Italia senza spaventare gli italiani ← tra le quali quella di mettere il parmigiano sulla pizza o di prendere il cappuccino dopo pranzo.

8 – L’HuffingtonPost ha fatto la sua parte nell’elencare le 6 cose che le donne italiane ci hanno insegnato sul cibo

O anche le 10 domande che un estraneo non deve fare ad una donna incinta ←  Io sono uno tra quelli che potrebber toccare la pancia di una amica incinta in modo genuino e senza malizia, giusto per fare un complimento, cosa che alle americane in Italia fa un po’ senso.

9 – L’avete visto il tea party fatto dalle italiane che si spogliano? È un esilarante spot scambiato come parodia  e nasconde o mostra il comportamento tutto italico di camminare senza veli.

L’eroe Paul Revere che invece di annunciare l’arrivo degli inglesi durante la sua famosa cavalcata, si accorge di un’improbabile arrivo di un’auto nel mercato e le loro donne ad un tratto smettono gli abiti delle puritane e si spogliano come quelle italiane, l’audacia prende il posto della rivoluzione dei corpetti. Alle tazze di the viene sostituito l’espresso. E non solo, fate attenzione alla fine dello spot: appare quasi in secondo piano il fallico cannocchiale che si accorcia ad una certa altezza del corpo.

10 – O la vera parodia della famiglia italiana ← scambiata per uno spot vero, divertente. Dove gli stereotipi ci fanno ridere, e ci inorgogliscono di essere come siamo. Visibile su YouTube anche qui in questo link : CHI COMPRA UNA FIAT 500 HA UNA FAMIGLIA ITALIANA IN REGALO

10 bis – Dopo 2 anni che ci abito affianco, finalmente IL MIO VICINO MI HA PARLATO!!! Ma questa è un’altra storia. Un altro siparietto. Per ora beccatevi la mia ultima performance di Commedia dell’Arte sul palco dell’Oberon Theatre ad Harvard, Cambridge, ← (nel link foto e altro video di danza) insieme alla brava attrice Chiara Durazzini, co-fondatrice con me del progetto PAZZI LAZZI TROUPE prossimamente online. L’Oberon Theater è il teatro off dell’ American Repertory Theater e ha ospitato i NEWPOLI, gruppo di musica antica del sud Italia, tra le band nella lista, anche qui, delle top 20 statunitensi di World Music.

Mi fate schifo! Voi donne che militate nel cosiddetto Popolo delle Libertà. Ed anche voi uomini che servite piatti d’oro, come tanti Pulcinella, per compiacere il padrone anche quando sapete che le pietanze sono insipide. Mi fate schifo perché passato e caduto il “Re”, cambierete opinione. Come l’hanno cambiata quegli italiani che prima della caduta di Mussolini erano tutti fascisti, ma dopo piazzale Loreto nel 1945 gli stessi erano diventati subito tutti antifascisti. Mi fate schifo perché non scendete in strada per prendere l’autobus o fare la spesa per vedere quanto costa un chilo di patate o un litro di latte. Mi fate schifo perché non sapete cosa significa per un ventenne fare il venditore porta a porta che inganna gli anziani offrendo loro, per conto di un’azienda truffaldina, contratti di fornitura ingannevoli, solo in cambio di uno stipendio di pochi spiccioli. Mi fate schifo perché non sapete  cosa vuol dire per un laureato lavorare in un call center per 500 euro al mese. Voi donne che non meritate nessun gesto di cavalleria, perché i vostri uomini le donne le odiano: pagandole. Attenzione, non vi giudico, i vostri uomini sono liberi dei loro sollazzi sessuali, ne hanno pur diritto. Ma ciò che più mi disgusta è che una di voi disse in una campagna elettorale che il premier Silvio Berlusconi era solo un venditore televisivo e che preferiva le donne solo in posizione orizzontale (quando la sciantosa che lo disse si era presentata contro alle elezioni). Ma ora quella donna non è più quella paladina contro il mercimonio di Stato: è la sottoposta del Premier nonché fan più spietata. Mi fa schifo, fimmine del PdL, anche il vostro silenzio davanti alle parole di una scrittrice come Michela Murgia, vincitrice del Premio Campiello con il suo romanzo Accabadora, sulla discriminazione: «…se dico qualcosa di scomodo esistono meccanismi di delegittimazione appositamente applicabili al mio essere donna, sono isterica, invidiosa, con una scarsa vita sessuale, tutte apostrofi che mai verrebbero usate per un maschio». Voi, donne di questo PdL, siete serve di quel maschio che non chiamerete invece “segaiolo” perché incompetente, ma sarete lì pronte a riscuotere lauti compensi per starvene zitte e buone. La verità è che ancora oggi una donna viene candidata in politica solo se brava, ma se bisogna candidare un uomo non ci si chiede mai se quell’ uomo sia incompetente prima di essere eletto. Non valete un soldo perché siete  ripagate con una sola moneta: lo scambio sessuale. Michela Marzano, scrittrice del libro “Sii bella e stai zitta” trasferitasi in Francia, anche lei si chiede: «Perché le donne continuano a cedere alla tentazione dei sensi di colpa e, per paura di essere considerate “madri indegne”, abbandonano ogni aspirazione professionale? Perché tante donne vengono giudicate “fallite” o “incomplete” quando non hanno figli? Perché molte adolescenti pensano che l’unico modo per avere successo nella vita sia “essere belle e tacere”? ».  Caterina Soffici dal blog de Il Fatto tuona senza mezzi termini: «C’è una manciata di ragazze fin troppo strapagate, impegnate a maneggiare bigliettoni da 500 euro e costumi da infermiera, calze autoreggenti, borse firmate, occhiali di marca, brillantini, gioielli, collanine, ciondoli d’oro… E ci ridono pure sopra. Sono una minoranza ma purtroppo la più visibile. Non sono “povere ragazze”. Sono semplicemente la feccia della società, gente per cui non si può provare pietà ma solo rabbia e ribrezzo, con le loro storie da orfanelle e infanzie difficili. Sapete quante donne disoccupate  non si prostituiscono e non si vendono e fanno fatica a trovare i soldi non diciamo per il mutuo o per sposarsi o per fare un figlio, ma semplicemente per arrivare a fine mese e pagare le bollette? Eppure un pugno di “zoccole” fa scomparire le donne vere di questo paese. E, soprattutto se le si guarda dall’estero, sembra l’Italia sia solo quel “gran puttanaio” di cui parlano le intercettazioni». Siamo diventati, io mi chiedo, un Paese in cui le ragazze povere si sentono incoraggiate a vendersi? Ma per tornare a “puntarvi il dito”, a quel gran “bordello” dovreste pensarci voi, donne e “uomini del Fare” (in questo link l’indignazione verso la doppia morale di alcuni e dei loro voltafaccia). Mi fanno schifo anche quei giovani “morti” che ridono quando, come soluzione per la disoccupazione, dal Presidente del Consiglio viene suggerita quella di “sposare un miliardario”. Mi fate schifo, uomini e donne tutti di un PdL morto! Morto in quanto sentimento di popolo che non rispetta nessuna libertà di giudizio. Mi fate schifo proprio perché quella libertà negata ora non la difendete, ma sono sicuro che a banderuola caduta direte “ve lo avevo detto” e darete ragione ai vostri ex avversari. Ve ne darete addirittura la paternità di quell’opinione che non avete mai avuto. Diceva Einstein che “il mondo è un posto pericoloso, non a causa di chi compie azioni malvagie ma per quelli che osservano senza dire nulla”.

Spremere v.t.=Premere con forza per estrarne sugo e umido – Acume=Dal lat.Acumen, Acùere, rendere aguzzo; in senso fig. la forza del cervello affilata che penetra il vero delle cose

Personaggi teatrali

------------------------------
------------------------------
------------------------------

Un crotonese… pecorino a New York

Cerchi camera a New York?

Visita il mio appartamento. Prenota.

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 1.519 follower

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 1.519 follower

Le statistiche del blog

Blog Stats

  • 59,656 hits

Temi

CINGUETTÌO D’IDEE

Per contattarmi sul Libro delle Facce

L’ITALIA CHIAMO’ – Radio Show U.S.A. chiama Italia

Programma di musica jazz e italiana contemporanea, risate e personaggi di un'Italia in fuga

luglio: 2017
L M M G V S D
« Giu    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Mappamondo

NEW YORK, RACCONTI, STORIE, TRADUZIONI, LETTERATURA, GUIDE TURISTICHE, LUOGHI COMUNI SULL’AMERICA, BOSTON, VIDEO, RADIO, TEATRO, ARTE DI UN ITALIANO ALL’ESTERO

DA DOVE MI HANNO CERCATO

Chi sono

FILOTTETE MANFREDI. Blogger, Attore teatrale, Calabrese, come se la terza fosse una professione. Ho vissuto per 15 anni anche a Firenze proiettando al cinema come nel film di Tornatore, calcando teatri, lavorando nelle promozioni pubblicitarie e raccontando le news in radio: coltivando però la mia dote preferita, quella della curiosità. Poi a Boston, MA ho insegnato italiano alla Societa' Dante Alighieri, ho fatto il traduttore, la guida turistica e l'actor/performer della Commedia dell'Arte. Ho curato inoltre un podcast per l'Ufficio Scolastico del Consolato Generale d'Italia "Tutti in Classe". Nella stagione 2014 ho avviato l'esperimento comico nel programma radio L'ITALIA CHIAMO' su http://litaliachiamo.wordpress.com per poi da settembre a dicembre 2014 nel progetto radio televisivo www.litaliachiamo.com. Dalla fine del 2015 vivo a New York. Dopo tutto questo, essendo figlio e fratello di una sarta, sto cercando di ritagliare il tempo per tessere il mio primo libro di racconti.