You are currently browsing the tag archive for the ‘dating’ tag.

A New York quando riceviamo un invito da una donna devo ammettere che noi uomini ce ne inventiamo di tutti i colori, specialmente se non abbiamo voglia di vederla, se abbiamo un’altra in mente o semplicemente abbiamo altri impegni, ma succede anche che lei inventi delle scuse poco plausibili se siamo noi a chiamarle. Giuro, ho visto gente rispondere «sabato mattina alle 10 devo stirare. Però avrei anche una conferenza sul codice Html e i Css informatici».

Drogati di ozio, couch-potato, pantofolai, netflixari. Ma poi, questo dating←che cos’è? Mi chiese tempo fa una ragazzina italiana di 18 anni appena sbarcata a New York. Beata ingenuità!  (←nel link il bellissimo articolo di Annalisa Merelli a New York sulla sua storia personale e le differenze con le abitudini del rimorchio nella Grande Mela).

A dir la verità mi sarebbe piaciuto essere un Robin Hood che ruba ai belli per dare ai brutti. Il matchmaker degli sfigati. Così, tanto per inflazionare il mercato ma dando la possibilità di tirarsela a chi non se lo potesse permettere.

Poi avrei fatto il Cirano, suggerendo le frasi ad effetto… non sapendo usarle per me perché è ovvio che in casa del calzolaio si cammina con le scarpe rotte.

Devo ammettere che non era tanto una cosa originale, infatti negli Stati Uniti tempo fa avevo sentito che erano già nate le pick-up lines, una linea telefonica che avrebbe sciorinato frasi per rimorchiare, le parole da usare per rompere il ghiaccio e attaccar discorso con una ragazza. Se ne trovano tante online. Un suggerimento che darei anche a quelli come me che arrivati ad una certa età (dopo un divorzio e i primi due anni felici da single a New York) e diciamo lontani da una spensieratezza e un menefreghismo tipico del 25-30 enne sprezzante del pericolo, è di fare selezione. Esattamente come la fanno le donne. E poi di riprendersi la sacra fregna, ← come ci suggerisce la brava scrittrice anonima de Linkiesta.

Sì perché il femminismo non ha comunque attecchito in quello che ancora spetta agli uomini: lanciare l’esca per primo spetta al maschio; si sa, frasi tipo alla Woody Allen funzionano meglio di quelle più trite: «Lei ha esattamente la faccia della mia terza moglie» – Lei: «E quante volte è stato sposato?» – «Due». O tipo «sono un pubblicitario, mi scusi, vorrei sapere quanto la paga (inserire marca dei jeans a piacere) per farle indossare questi jeans e farli sembrare così belli». Ma per il maschio americano medio che non sa come vestirsi e di moda ne capisce come io di elettronica o quantistica non mi sembra verosimile.

In un college americano, precisamente al Boston College 4 anni fa partì un assignment, un compito, all’interno di un corso di filosofia (in cui erano incluse discussioni sulle scelte morali),  l’esecuzione del quale avrebbe dato molti crediti allo studente se fosse andato ad un appuntamento con una ragazza. Una delle richieste necessarie e obbligatorie prevedevano almeno tra i 45 e i 90 minuti di interesse romantico, visto che molti studenti chiedevano di sapere da dove iniziare e cosa dire.

Nelle linee guida del compito era previsto: chiederglielo in persona di uscire, non tramite messaggio su facebook; deve essere una persona con cui non sei mai uscito; organizzare l’appuntamento entro tre giorni dopo averlo chiesto; non chiedere all’altra persona dove andare, decidilo tu; paga al primo appuntamento (su questa non sono d’accordo, e se non ce ne sarà un secondo?); non era concessa una uscita in compagnia, senza terza ruota del carro o amici che ti fanno da spalla; alla fine si doveva scrivere due pagine di tema per descrivere come fosse andato, sia nella conversazione che i propri pensieri a riguardo.

I no aiutano, si sa. Soprattutto se spingersi oltre le proprie capacità sembra un grande impegno nella scena odierna degli appuntamenti romantici.

La sceneggiatura di un incontro era un’altra quando i nostri padri o nonni si corteggiavano, e le aspettative si sapevano già dal momento in cui si lanciavano il primo sguardo.

Oggi invece non abbiamo tempo, in palestra non ci parliamo nemmen più… preferiamo andare alla conferenza dei codici informatici del sabato mattina.

Ma c’è ancora chi dice, ahime, se fossi italiano staremmo già a farlo in un cespuglio, come in questo video.

Spremere v.t.=Premere con forza per estrarne sugo e umido – Acume=Dal lat.Acumen, Acùere, rendere aguzzo; in senso fig. la forza del cervello affilata che penetra il vero delle cose

Personaggi teatrali

------------------------------
------------------------------
------------------------------

Un crotonese… pecorino a New York

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 1.501 follower

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 1.501 follower

CINGUETTÌO D’IDEE

  • @SilviaPareschi2 Capisco centrare la pipì... ma perché poi abbassare la tavoletta? Ma per caso voi donne la alzate quando avete finito? 1 week ago
  • RT @GianricoCarof: Mi chiedono quale dovrebbe essere la regola fondamentale di una politica diversa. L’ha scritta un signore di nome Kant:… 4 weeks ago
  • RT @bravimabasta: +++ SALVINI A SOVERATO: "CIAO TERRONI DI MERD... SCUSATE, HO USATO UN APPUNTO DELL'ANNO SCORSO" +++ 1 month ago
  • @davidedm_91 Tu ci credi a questa crisi estiva? 1 month ago
  • RT @SilviaPareschi2: Una mia studentessa: "gli scrittori italiani maschi descrivono solo tre tipi di donna: la pazza, la sexy e la vecchia.… 1 month ago

Per contattarmi sul Libro delle Facce

L’ITALIA CHIAMO’ – Radio Show U.S.A. chiama Italia

Programma di musica jazz e italiana contemporanea, risate e personaggi di un'Italia in fuga

NEW YORK, RACCONTI, STORIE, TRADUZIONI, LETTERATURA, GUIDE TURISTICHE, LUOGHI COMUNI SULL’AMERICA, BOSTON, VIDEO, RADIO, TEATRO, ARTE DI UN ITALIANO ALL’ESTERO

Italiani all’estero visti da PIF

Le statistiche del blog

Blog Stats

  • 73.240 hits

Temi

settembre: 2019
L M M G V S D
« Feb    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Blog che seguo

Mappamondo

DA DOVE MI HANNO CERCATO

Chi sono

FILOTTETE MANFREDI. Blogger, Attore teatrale, Calabrese, come se la terza fosse una professione. Ho vissuto per 15 anni anche a Firenze proiettando al cinema come nel film di Tornatore, calcando teatri, lavorando nelle promozioni pubblicitarie e raccontando le news in radio: coltivando però la mia dote preferita, quella della curiosità. Poi a Boston, MA ho insegnato italiano alla Societa' Dante Alighieri, ho fatto il traduttore, la guida turistica e l'actor/performer della Commedia dell'Arte. Ho curato inoltre un podcast per l'Ufficio Scolastico del Consolato Generale d'Italia "Tutti in Classe". Nella stagione 2014 ho avviato l'esperimento comico nel programma radio L'ITALIA CHIAMO' su http://litaliachiamo.wordpress.com per poi da settembre a dicembre 2014 nel progetto radio televisivo www.litaliachiamo.com. Dalla fine del 2015 vivo a New York. Dopo tutto questo, essendo figlio e fratello di una sarta, sto cercando di ritagliare il tempo per tessere il mio primo libro di racconti.