La menzogna è il caso di attualità del momento, nei gossip sportivi. Un famoso giocatore di football Tom Brady, ha mentito sul fatto se il suo pallone ovale fosse leggermente più sgonfio (per afferrarlo meglio). Ecco di nuovo però l’America con la sindrome di Clintonite.

Che cosa fa di ognuno il manipolatore di se stesso? Gli esperti dicono che sia  l’auto conservazione e l’allungare la verità che l’altro ha bisogno. Robert Feldman, psicologo dell’Università del Massachusetts, ha dedicato anni a cercare di capire perché le persone usano quello che in modo educato viene chiamato inganno/raggiro verbale.

Nelle sue ricerche, quando due persone si incontrano, la media è che le persone mentono tre volte nei primi 10 minuti. “È un modo di manipolare la propria immagine come lubrificante sociale; è un balsamo che lenisce le situazioni avverse e le fa andare via”. E in molti casi la gente crede a quello in cui vuole credere. L’America ama i suoi eroi: pochi ricevono così tante preghiere quanto gli atleti nazionali.

Si sa, sono sotto pressione mediatica e devono sorridere sempre e comunque. Brady è famoso per i suoi nervi di acciaio. E le bugie, come ha scritto il Boston Globe, sono stata l’unica soluzione che i suoi occhi potevano riservare o mostrare.  In questo caso l’atleta, così come le persone comuni hanno bisogno di fingere motivate dalla sola paura di essere beccati, prima ancora di provare vergogna.

Bill Clinton sopravvisse allo scandalo. E ora sua moglie si candida come presidente degli Stati Uniti.

tom-brady_416x416