Vi ricordate Jack Nicholson che muore assiderato nella scena finale di “Shining”? Il film fu girato in Colorado, ma esiste una cartina che associa ad ogni stato americano la pellicola più celebre girata o ambientata all’interno dei suoi confini. ← E non mancano pellicole italiane: anche se “Per qualche dollaro in più” e “Il Buono, il brutto il cattivo” furono girati in Europa, Sergio Leone riuscì a creare l’illusione che Clint Eastwood sparasse davvero nel Far West, nel Texas e nel New Mexico.

L’illusione, appunto. Tema sottinteso di questo post raccoglitore dell’accozzaglia di arte in giro in questa primavera nell’area di Boston. La prima è che andando in vacanza per tre giorni in Florida, avrei potuto mangiare carne di alligatore, come ha raccontato questo articolo sulla rivista Dissapore sui differenti tipi di carne per ogni stato americano. ← In compenso ho assaggiato in riva al mare…vi chiederete dei frutti di mare? No, un delizioso hamburger di alce proveniente da una fattoria del Montana. Scommetto che se fossi andato in Montana non avrei trovato l’alce ma l’alligatore. È come andare ormai nelle nostre città italiane di mare e chiedere la trippa al sugo, si sa che è un piatto di nicchia.

La seconda illusione è il film che mi sto facendo mentre vivo l’esperienza di vita americana nel Massachusetts, e sta nell’osservare l’eccessiva educazione della gente, sia sui mezzi pubblici che al supermercato, nel lasciarti e nell’esigere lo spazio che intercorre fra te e loro: 3 metri. Per un italiano, si tratta di un’infinità. Ma qui è l’esatta distanza tale da far scattare l’ imbarazzo nell’americano medio e che gli fa pronunciare “sorry” per dire che in tre metri di lontananza fra te e lui ci si imbarazza a passare in mezzo (per intenderci, fra te ed un altro ostacolo). Mi successe anche in Irlanda, ma so che questa bizzarra buona maniera proviene dall’intero mondo anglosassone in genere: neanche li sfiori e loro “sorry”, li colpisci apposta e loro “sorry”. Per fortuna poi si torna in Italia e anche se ti hanno spaccato una spalla “casualmente” ti dicono che è colpa tua… O come l’amico blogger Luca Lisanti ha definito questo fenomeno di ipereducazione acuta “come vivere in un eterno film di Mary Poppins”. Si chiama distanza prossemica. Per noi latini è molto ravvicinata, per gli anglo-americani si dilata. Per me è come l’illusione di vivere a ralenti una scena da film, una pausa di un piede che si alza per calpestare la superficie lunare.

Mi ero illuso che gli americani fossero troppo educati e paurosi a spiegare le gesta anche di ció che succede sotto le lenzuola… ma a loro discolpa, va assolutamente visto questo simpatico monologo di una comica in uno dei talk del sito TED, qui postato dall’Huffington Post, dove racconta di come sia riuscita a SPIEGARE A SUA FIGLIA DI 8 ANNI IL DISCORSO SUL SESSO. ←

Il blogger Luca Lisanti, che citavo prima,  è noto non solo per aver risposto anche lui come me, con le 70 cose che ho imparato da italiano in Massachusetts, ← alla blogger americana a roma sulle 50 cose che ho imparato in Italia, ← (qui Luca descrive le sue 100 cose che ha imparato in America) ←ma anche per aver detto la sua sull’ultima cazzata di John Elkann  ← citando il post del giornalista di Repubblica Rampini. «È difficile immaginare un figlio di Bill Gates –racconta la nota dell’inviato in America- che accusa quei suoi coetanei americani che non trovano lavoro di essere pigri, di avere scarso spirito di rischio. Quando uno nasce privilegiato, qui negli Stati Uniti, di solito ha il buon gusto di non insultare chi deve combattere partendo da condizioni molto piu` sfavorevoli. E poi e` difficile immaginarsi un parallelo, per un’altra ragione: suo figlio Bill Gates lo ha praticamente diseredato, lasciando la maggior parte del proprio patrimonio alla fondazione filantropica che combatte la malaria e altre malattie dei paesi poveri. Gates ha spesso spiegato la ragione profonda del suo gesto. “Farei un danno ai miei figli se gli lasciassi tutto questo patrimonio, non avrebbero stimolo a dimostrare quel che valgono loro”. E poi, da un punto di vista dell’interesse nazionale, Gates ha usato piu` volte (da ultimo in un’intervista al sottoscritto) la metafora olimpica: “Lasciare in eredita` i patrimoni del capitalismo americano, e` come designare per i prossimi Giochi olimpici una squadra Usa in cui automaticamente figurino i figli degli ex campioni olimpionici. Non e` per via ereditaria che si seleziona una classe imprenditoriale competitiva”. Elkann e` l’esempio di una capitalismo ereditario, e non e` un bello spettacolo».
Poi tutto questo lo ha anche ribadito Crozza nel suo monologo nazionalpopolare all’ultima Festival della canzone italiana a Sanremo. Per un attimo, avevo avuto l’illusione che un imprenditore italiano avesse detto la cosa giusta, ma come sempre accade in Italia, l’esempio arriva dal pulpito sbagliato.

Per capire meglio invece la differenza sulle illusioni che colpiscono le generazioni statunitensi nate dagli anni 80 ai 90, i cosidetti Yuppies e figli dei Baby Boomers  consiglio la lettura di questo interessante articolo oramai virale: WHY GENERATION Y IS UNHAPPY ← e che spiega la teoria secondo cui molti giovani americani di oggi hanno come la sindrome delle aspettative e delle ambizioni insoddisfatte, il confronto tra loro e i genitori è imbarazzante perché i secondi all’età dei primi avevano realizzato molte più cose e non solo, sapevano quello che volevano. I giovani americani di oggi invece ancora non lo sanno, e si autocelebrano di autostima. Mentre i genitori erano convinti che tanti anni di duro lavoro e sacrifici avrebbero determinato un successo professionale, la generazione Y considera il successo di carriera come un fatto dovuto, dato che si tratta di una persona eccezionalmente particolare come loro. Secondo questo articolo, l’autocommiserazione è dietro l’angolo… c’è anche una traduzione in italiano se volete, sul PERCHÉ LA GENERAZIONE Y È INFELICE ←

Poi c’è gente anche che la pensa diversamente, eh. Qui infatti c’è una risposta all’articolo in inglese.←

Io, per esempio, da italiano estraneo a tutto ciò (forse) e da ex precario, sulle illusioni avrei potuto scrivere un trattato, ma ho preferito raccontare la sintesi dei miei “film” nel salotto di Aldo Mencaraglia l’instancabile autore di Italians in Fuga. E lo ringrazio per avermi intervistato in una domenica pomeriggio ←  L’intervista qui sintetizzata nell’articolo a sinistra, si può ascoltare in podcast audio ma anche nella seguente testimonianza video.

Aldo Mencaraglia di Italians in Fuga, mi ha dato l’input di riconoscere che l’avventura vissuta fino ad ora non sia un’illusione, ma l’inizio di una creatività teatrale nuova, sia con il progetto di Commedia dell’Arte con i Pazzi Lazzi Troupe che con il programma radiofonico in italiano condotto con Stefano Marchese e che abbiamo chiamato L’ITALIA CHIAMO’ RADIO SHOW.

E se le illusioni le mostro per ora solo sul palcoscenico con la mia maschera, qui in questo video potete godervi la scena al Northeastern Theater dove ho regalato al pubblico americano il monologo in quasi Grammelot in inglese sull’impotenza del Dottore Ballanzone per la compagnia teatrale Pazzi Lazzi.

 

Mi ricorda tanto certi baroni universitari o professori dinosauri come in questo estratto video da La Meglio Gioventu’. ←

Al prossimo siparietto.