You are currently browsing the monthly archive for luglio 2013.

John C. era uno scapestrato. Ma uno di quelli laureati, in Filosofia. Parossismi così non ne nascevano da quando North End, quartiere di immigrati italiani a Boston, non era la capitale dei gangster e dei mob  ← , il cui scettro poi passò a South Boston. Un bel giorno gli chiedemmo quand’era la prima volta che aveva sfasciato una macchina dopo la laurea in Filosofia e lui rispose “paradossalmente non fui io, ma Joe Barboza, the Horse, “il cavallo”. ←

Questi due links saranno le mie letture da ombrellone di quest’estate. Lo so già. Ho bisogno di un po’ di vita di strada. Proprio in questi giorni che l’America sta assistendo al processo di uno dei più feroci mafiosi irlandesi, James “Whitey” Bulger, stanno venendo a galla molti testimoni dei traffici, degli omicidi più crudeli, delle corruzioni con l’FBI, delle estorsioni e rapimenti… Comprese le testimonianze del linguaggio. Una vera finestra nel gergo sotterraneo della malavita di Boston, retroterra etnico di mafie italiane, irlandesi, ebree. Un codice tradotto che risale a più di mezzo secolo. I due testimoni, Jimmy Katz, di 72 anni, e Dickie O’Brien di 84 suonati, chiamati dai magistrati, hanno raccontato come funzionava lo “shylock” business, in pratica l’usura. Shylock dal personaggio di Shakespeare Il Mercante di Venezia.

La tariffa invece che gli scommettitori pagavano sulle scommesse clandestine era un “vig” (pare diminuitivo per “vigorish”, probabilmente dall’ebreo russo), o un “juice”. Per condividere i proventi dalle scommesse più grandi uno scommettitore poteva “lay off” (finirla, piantarla) facendo una puntata insieme a qualche amico dei suoi. E se qualcuno del grado più basso della scala gerarchica puntava delle somme fallendo il compito, quelli più alti di grado come i succitati testimoni provvedevano il “makeup” per coprire le perdite. E senza risanare questo debito, ti potevi fare veramente male.

Ma i testimoni hanno presentato un’intera tipologia nascosta della lingua inglese sull’essere gangsters: “hang around guys” era chi bighellonava a perditempo ai lati di un’azione criminale, i “front guys” erano i prestanome, e i “stand up guys” erano quelli che si rifiutavano di tradire i colleghi e di spifferare tutto alla polizia, senza fare del “rolling” o “turning over” .

Le memorie di un poliziotto di Boston, ← estratto di un libro che mi ha riportato alla storia che stavo per raccontarvi, forse John C. non le ha lette perché le ha vissute in prima persona.

Per tornare infatti alla nostra storia iniziale da ombrellone. Chi era invece Barboza? Beh, in pratica John C. all’epoca viveva nel quartiere di North End e passando con la sua auto per Hannover Street vide Joe Barboza, detto il Cavallo in mezzo alla carreggiata parlottare con la sua bella. Era pressappoco il 1970. John C. di mestiere negli anni a seguire avrebbe fatto il tassista, il meccanico, l’uomo che consegna i fiori, il padre tuttofare, ma prima di allora era uno che di facile gli mancava il grilletto; anche se non aveva mai avuto una pistola, almeno secondo i suoi ricordi che oggi gli si riafforano ogni volta gli chiedi alla freudiana una domanda apparentemente lontana e banale.

Una miccia di un fiammifero era più difficile da accendere di lui. Quel giorno la miccia l’ebbe con uno dei gangster più pericolosi. Gli disse: “Hey, potresti (il condizionale l’ho scritto io) accostare e farmi passare?”

Joe Barboza non ci vide più. Scese dalla sua scappottabile, saltò su quella di John (che per fortuna ancora la Dodge rossa convertible, benché del 1966, non l’ebbe ancora comprata) e si mise a danzare sul cofano ordinandogli di uscire. Fu lì che nacque il Gangsta Style? Ne dubitiamo. Ma a John non piacevano i balletti. Intimidirsi di Joe the Horse, detto anche l’animale? See…

Scese e finì in scazzottata. La gente cercava di dividerli. John si ritrovò senza pantaloni, ma era una fortuna di non essersi ritrovato con qualche cannolo siciliano in corpo. Arrivò il poliziotto di quartiere: “Ehi Joe, non sai tenere a bada nemmeno i tuoi?”. E Joe Barboza: “I don’t fu… know him? Boy! GETOUTTA HERE! ”.

Il giorno dopo John ritrovò la sua auto senza ruote. Chiese a qualcuno in giro se avessero visto compiere la vigliaccata. Naturalmente in un rione tutto italiano di quegli anni, l’omertà era ancora un valore. Vide solo due ragazzetti scappare, li rincorse, qualcuno gli disse che era meglio lasciarli stare. Se ne strafregò del caldo consiglio, li raggiunse che avevano ancora in mano le sue ruote. Lui fece per chiedere delucidazioni, ma non fece in tempo a parlare che sentì il profumo sulla sua guancia di una canna, non di ricotta come un buon cannolo di pasticceria, ma di metallo. Calibro 9. Scattò un colpo di grilletto, senza pallottola. John si sentì svenire, però vide che di sangue non ne aveva. Poi la fuga davanti a lui, fermo inebetito a guardare l’orizzonte di North End.

Finì che chiese aiuto ad un amico in comune con Joe detto l’animale o il cavallo per fargli da mediatore. Il punto di incontro fu quello che dovette sloggiare casa.

Anni dopo John C. sfasciò una Mini Rover, i suoi pezzi sono ancora conservati in un garage qua vicino, insieme alla sua Dodge rossa scappottabile del 1966, appoggiata sui mattoni, tra resti di oli, attrezzi, marmitte. Auto che comprò per stare lontano dai gangsters e viaggiare al vento.

John C. ci è ritornato spesso nel North End, ma a farci un tour gastronomico con la sua moglie di sempre. Non sapendo che fanno anche tour guidati sulla Boston dei gangsters.

E questo, era JOE BARBOZA detto “l’animale” o “il cavallo”.

OVVERO: COME CAPE COD NON SI PRONUNCIA COME UN FAMOSO SALAME DEL SUD ITALIA.

Tutti al mare…anzi all’Oceano! Noi italiani che cerchiamo sempre di trovare le acque tiepidi del Mediterraneo anche nell’Oceano Atlantico a largo di Boston è un puro sogno, ma abbiamo fatto, è il caso di dirlo, la scoperta dell’acqua calda: esiste un mondo dove riusciamo a non congelare i muscoli delle gambe, ed è tra le insenature di Cape Cod (ribattezzato da una mia cara zia, che non conosce l’inglese, con la pronuncia fonetica italiana “capeccoddh” che in calabrese vuol dire Capicollo).

A mo’ di salame o meno, vediamo dove conviene invece tuffarsi a sud di Boston.

Cape Cod Map

Inizio subito nel darvi un bel sito governativo dove vi spiegano quali servizi trovare e come raggiungere tutte le spiagge del Massachusetts.

Se invece vi piacciono i → laghi del Massachusetts – di solito più caldi rispetto all’Oceano-, ecco invece nel link qui a sinistra la sezione del sito governativo che fa per voi. Non fate il mio stesso errore quando leggete “fresh”. Non vuol dire “acqua fresca”, ma dolce sorgiva. Quindi un po’ tiepiducce come piacciono a noi italiani mediterranei, paurosi di reumatismi o del colpo di frusta o della strega o di tutte le altre baggianate asintomatiche che rendono noi mediterranei meno temerari in fatto di freddo.

Ciò che però vorrei regalarvi è una ricerca sulle acque meno fredde nelle spiagge pubbliche della South Coast e del South Shore della Boston Area. (ATTENZIONE. Se trovate l’asterisco * accanto ad ogni nome nella lista qui sotto, significa che quando vi tuffate non garantisco il non-congelamento istantaneo dei vostri arti inferiori, se fuori non sono almeno 40 gradi C.)

MA, Cape Cod_Chathamm Harbor_William DeSousa_Cape Cod Chamber of Commerce-652x415_17

Se sperimentate dunque una gitarella fine settimana presso una delle seguenti spiaggie di Cape Cod, sempre nella lista qui di seguito, specialmente se avrò scritto qualcosa di inesatto o sbagliato sulla temperatura delle acque (non le ho provate tutte, ma è tutto frutto di ricerche e segnalazioni), segnalatelo anche voi qui in questo post in fondo ai commenti.

Pronti? Si parte.

cape-cod

ABINGTON

Island Grove Park è un lago dotato di aree pic nic e griglie a carbone a disposizione di tutti, una piscina, posto giochi per bimbi, bagni, possibilità di pesca e gazebo. Acqua sorgiva tiepida.

Il parco è accessibile dell’entrata di Park St. o dal patio di Wilson Place oltrepassato il Memorial Bridge. La stagione dura fino agli ultimi giorni di agosto. Sono disponibili pass sia per residenti che per i non residenti. Per gli eventi www.friendsofislandgrove.com/IGCalendar.htm

 

BRAINTREE

Sunset Lake si trova sulla Safford Street a South Braintree. Il lago apre alle 10 di mattina e chiude al tramonto. Parcheggio disponibile. Non sono permesse moto d’acqua, ma canoe, barche a remi e a vela. I bagnini sono certificati dalla Croce Rossa e c’è anche un’area gioco per i bambini. Ogni martedì alle 6 di sera dalla fine di giugno c’è un concerto dal vivo.

Alla Smith Beach il parcheggio è permesso solo nelle aree disponibili e i bagnini disponibili in base alle maree, quando questi ultimi non ci sono non è permesso nuotare. I bagni pubblici sono aperti, ma attenzione alla lista delle ore settimanali di apertura settimanale affisse sulla spiaggia.

QUINCY

Quincy offre 27 miglia di costa e più di una dozzina di spiagge balneabili, zone picnic, e percorsi. Da Nickerson Beach (*non pervenuto) che ha una bella vista sulle Boston Harbor Islands all’Adams Shore (Front Heron Beach) dove si possono fare lunghe e freschissime nuotate, a Wollaston Beach * la più grande della baia di Quincy con un parcheggio gratis.

Le acque più calde ce l’hanno Avalon Beach e Sailors Snug Harbor Beach situate appunto nella baia abbastanza chiusa dalle correnti.

COHASSET

A Sandy Beach * il parcheggio è riservato per i residenti. Ci sono bagnini dalle 9 di mattina fino alle 7 di sera, ogni giorno fino al Labor Day. Bassing Beach * è accessibile solo attraverso una barca e durante la bassa marea.  

 

DUXBURY

Duxbury Beach * è una lunga spiaggia bianca ben mantenuta ma dove l’adesivo per parcheggiare costa 80$ per i residenti. I non residenti possono oltre la spiaggia con 295$. E poi attenzione anche qui all’asterisco.

 

HINGHAM

Hingham Bathing beach è abbastanza chiusa da strisce di sabbia, un po’ fresca ma non c’è bisogno di nessun permesso per parcheggiare. Aree picnic, ristoranti e bagni pubblici vicini. L’entrata è a Nord di Hingham Harbor dalla Route 3A. I bagnini ci sono solo per 5 ore al giorno. Vi è una sauna aperta solo quando i bagnini sono di turno.

 

HULL

Nantasket Beach da sempre è la destinazione preferita da famiglie, proprietari di barche, turisti. L’acqua è a volte fresca, ben riparata dalle correnti per il suo naturale lembo di spiaggia lungo la baia. 5 miglia di spiaggia coperte da buoni ristoranti, con possibilità di fare escursioni in bicicletta, scooter, kayak e barchette (anche da affittare). Aperta fino a Settembre, con bagni pubblici disponibili. Il parcheggio è di soli 7$.  Il sito è www.mass.gov.dcr/parks/metroboston/nantask.htm

 

KINGSTON

Grays Beach Park * si trova oltre la Route 3A a Rocky Nook. È una piccola spiaggia protetta dalla baia, ma le correnti a volte si fanno vive. Nuotare è possibile solo in aree limitate. Dalle 9 alle 5 ci sono bagnini fino al Labor Day weekend. Il parcheggio è di 15 $ all’anno per residenti e 50$ per non residenti. Possibili attività di gioco per bambini durante il giorno.

 

PEMBROKE

Ci sono tre città in zona con spiagge attrezzate. Una è lo Stetson Pond, su Plymouth street, poi la Little Sandy Bottom Pond su Woodbine Avenue e la Oldham Pond o the Town Landing oltre Wampatuck Street. Tutte acque dolci e belle tiepide. Per il parcheggio vale la formula “chi arriva primo” (who first come). I bagnini non sono sempre disponibili, ma è possibile nuotare oltre le ore di turno dei Baywatch fuori dalla responsabilità dei Lifeguard. A volte, a periodi alterni in estate le spiagge potrebbero momentaneamente venir chiuse dal Dipartimento della Salute Pubblica per i livelli alti di batteri causati dalle fioriture della alghe blu/verdi.

 

MARSHFIELD

Rexhame Beach. * Snack bar, bagni pubblici e campetti di pallacanestro, oltreché di lifeguards. 35$ di adesivo per il parcheggio per i residenti, da comprare alla Town Hall. Online si possono comprare a 30$. Ma i visitatori giornalieri possono prenderlo per 10$ al giorno e 15$ nei weekends. Si trova vicino la Route 139 e Winslow Street, dove imbocca verso Standish street.

Fieldston Beach *

I Baywatch sono di turno i venerdì, sabati, domeniche e lunedì dalle 9.45 di mattina alle 4 del pomeriggio. Lo snack bar apre dalle 11 di mattina alle 5 di pomeriggio. Si trova oltre la Route 139 e Surf Avenue. Stessi orari per Sunrise Beach * e Brant Rock * aperte in pieno oceano alle correnti fredde; la prima si trova oltre Foster Avenue e Route 139, la seconda sull’esplanade oltre la Route 139.

PLYMOUTH

A Plymouth Beach * benché l’acqua sia abbastanza freschina, oltre la Route 3A potete trovare la cosiddetta HOMETOWN D’AMERICA, dove i primi pellegrini sbarcarono nel 1620. Dalla pace tra il nativo Massasoit della tribù dei Wampanoag e il governatore della colonia britannica, coadiuvati dal traduttore Squanto ne scaturì la festa di Ringraziamento a base di daino.

Da segnalare, oltre alla Long Beach a cui si rimanda al sito della Town Hall, la White Horse Beach * a sud, sulla Taylor Avenue verso Manomet. Non ci sono bagni pubblici, ma tranquilla e con un paesaggio ricco di dune. A proposito, dettaglio da non trascurare: l’accesso alla spiaggia è legato da pontili, chi cerca di salire invece sulle dune, sia per farne una toilette a cielo aperto e sia per attraversarvi –dune, tra l’altro chiuse da una rete- viene avvistato dai residenti che puntualmente chiamano la polizia per farvi multare di 100$ (essendo le dune una riserva). Una dei residenti è mia suocera, che da quando è andata in pensione ha tutto il tempo per avvertire la polizia. Non dite che non vi ho avvisato.

Pontile sulla spiaggia di Manomet, Cape Cod

Pontile sulla spiaggia di Manomet, Cape Cod

Fresh Pond, ad 8 miglia da Plymouth, merita l’acqua calda ma un po’ piena d’alghe. È sulla Bartlett Road oltre la Route 3A. C’è un parking fee di 5 $. Ombra e barbecue assicurati e bella compagnia latina, stesso discorso vale per Morton Park, oltre Summer st.

L’Hedges Pond situato al 158 Hedges Pond road, vicino l’uscita 2 oltre la Route 3, ha orari da lunedì a venerdì dalle 12:30 alle 5 del pomeriggio, e fine settimana dalle 9 di mattino fino alle 5. Campi di pallacanestro e aree gioco per bimbi, ma con parcheggio a pagamento da ritirare alla Town Hall.

cape-cod-dune

Dati non pervenuti sul Great South Pond, che da Google map sembra abbastanza grande e dai laghi come Halfway Pond, a cui si rimanda al sito completo del governo del Massachusetts. Nel → sito delle spiagge pubbliche del Massachusetts potete avere informazioni anche su altre coste come quella di SCITUATE * (Humarock Beach, Peggotty Beach, Sand Hills Beach, Egypt Beach, Minot Beach) o della zona di WEYMOUTH. *

Penultima, ma non la meno importante, → Falmouth è quella più famosa per avere le acque salate d’oceano più calde.

Tutto quello che c’è da sapere sulle spiagge a sud del braccio di Cape Cod ← sta anche in questo link a sinistra.

Un altro HAPPY END a parte merita la zona di WAREHAM, dove svetta Onset Beach oltre l’uscita 1 dalla Route 25 su Onset Ave., popolare spiaggia sulla baia di Buzzard popolata da ristoranti, e la vicina Little Harbor Beach meno affollata, con bagni pubblici e il camioncino dei gelati che vi fa spesso frequenti fermate. Non ci sono bagnini ma l’acqua di tutti e due è relativamente tiepida quando non ci sono venti che entrano nella baia.

Il relax dona una forte componente alla nostra mente creativa come nella foto qui sotto

cape cod

ma se poi volete un po’ di movimento ed ebbrezza, andare a vedere le balene diventa uno spettacolo pieno di energia: non avete che da prenotare o guardare le tante altre attività che un turista può fare e che il sito turistico dello Stato del Massachusetts ← ha messo a disposizione.

whale-watching-on-cape-cod

AL PROSSIMO SIPARIETTO ESTIVO, CON LE LETTURE DA SOTTO L’OMBRELLONE.

Spremere v.t.=Premere con forza per estrarne sugo e umido – Acume=Dal lat.Acumen, Acùere, rendere aguzzo; in senso fig. la forza del cervello affilata che penetra il vero delle cose

Personaggi teatrali

------------------------------
------------------------------
------------------------------

Un crotonese… pecorino a New York

Cerchi camera a New York?

Visita il mio appartamento. Prenota.

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 1.505 follower

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 1.505 follower

Le statistiche del blog

Blog Stats

  • 58,507 hits

Temi

CINGUETTÌO D’IDEE

Per contattarmi sul Libro delle Facce

L’ITALIA CHIAMO’ – Radio Show U.S.A. chiama Italia

Programma di musica jazz e italiana contemporanea, risate e personaggi di un'Italia in fuga

luglio: 2013
L M M G V S D
« Giu   Ago »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Mappamondo

NEW YORK, RACCONTI, STORIE, TRADUZIONI, LETTERATURA, GUIDE TURISTICHE, LUOGHI COMUNI SULL’AMERICA, BOSTON, VIDEO, RADIO, TEATRO, ARTE DI UN ITALIANO ALL’ESTERO

DA DOVE MI HANNO CERCATO

Chi sono

FILOTTETE MANFREDI. Blogger, Attore teatrale, Calabrese, come se la terza fosse una professione. Ho vissuto per 15 anni anche a Firenze proiettando al cinema come nel film di Tornatore, calcando teatri, lavorando nelle promozioni pubblicitarie e raccontando le news in radio: coltivando però la mia dote preferita, quella della curiosità. Poi a Boston, MA ho insegnato italiano alla Societa' Dante Alighieri, ho fatto il traduttore, la guida turistica e l'actor/performer della Commedia dell'Arte. Ho curato inoltre un podcast per l'Ufficio Scolastico del Consolato Generale d'Italia "Tutti in Classe". Nella stagione 2014 ho avviato l'esperimento comico nel programma radio L'ITALIA CHIAMO' su http://litaliachiamo.wordpress.com per poi da settembre a dicembre 2014 nel progetto radio televisivo www.litaliachiamo.com. Dalla fine del 2015 vivo a New York. Dopo tutto questo, essendo figlio e fratello di una sarta, sto cercando di ritagliare il tempo per tessere il mio primo libro di racconti.