You are currently browsing the monthly archive for giugno 2013.

Puzzano come uno pneumatico a fuoco. Ed è vero. Per compagnia hanno piedi (ma a volte sono indossati anche in modo elegante come qui) che sembrano aver lavorato nella ricerca all’oro nei torrenti più lontani. La domanda è perché sempre più gente sceglie di calzare gli infradito (nel link belle foto di infradito su Pinterest) al posto di altri sandali, anche in vacanza quando servirebbero scarpe più comode. Se lo è chiesto il giornalista Christopher Muther del Boston Globe: “Vanno bene per la spiaggia e per pratiche passeggiate pomeridiane sulla costa. Hanno un loro posto, ma non deve essere la città, il posto di lavoro, o un bel ristorante. Gli infradito, i flip-flop, (nel link altre foto su Pinterest di varie opzioni creative) stanno diventando invasivi. Ho superato il limite quando un mio amico recentemente mi ha chiesto quale fosse il migliore infradito secondo me migliore per camminare a New York City! Nessuno, ho risposto, a meno che ti possa piacere il solletico dei becchi di piccioni e la ghiaia tra gli alluci. Sono esteticamente dannosi. Oltreché psichicamente. Secondo l’Associazione Podologi Americani l’uso di infradito economici fa aumentare tendiniti, fratture e altre malattie del piede”.

Anche recentemente su questo blog, un commentatore si è infervorito proprio riguardo l’argomento degli infradito sul post delle 70 cose che noi italiani abbiamo imparato in USA, in risposta alle 50 cose dell’amica americana a roma. Lo ha ripreso ancora Shelley, appunto da Roma, dove mi cita sui consigli di cosa non indossare da turista durante le vacanze nelle città italiane.

Troy Torgerson è un altro detrattore dei flip flops, tanto che ha creato un sito www.ihateflipflops.com (io odio i flip flop). Anche lui è d’accordo sul fatto che gli zombi hanno meno germi di chi indossa gli infradito. Vedete le foto per credere.

Ha fatto scandalo anni fa la foto della squadra femminile campionessa di lacrosse della Northwestern University dove in una visita alla Casa Bianca all’epoca di George Bush, indossarono quasi tutte gli infradito. Foto che fa rabbrividire sulla spontaneità (ad esser buoni), anche in occasioni ufficiali, di certi comportamenti quotidiani americani.

Flip Flop della Squadra femminile di lacrosse in visita alla Casa Bianca

Chi li ha difesi, nel dibattito pro-contro sul Boston Globe, è il giornalista Hayley Kaufman: “Sono troppo casual per i posti in cui vengono calzati? Forse. Ma pensiamoci, ci siamo rassegnati alle gonne lunghe ottocentesche, alle calze da Moulin Rouge, ai corsetti, e il mondo non è finito. Potrebbero essere abbinate con eleganti kimono in Giappone e nessuno batterebbe ciglio. Quelli tradizionali, i sandali grossi con la suola di legno alta, servono in realtà a proteggere il piede da eventuali scivolate sulla neve”.

Da parte mia, una scivolata è quel che si augura quando vengono indossati male. E se vengono abbinati bene, forse la scivolata può anche far piacere alla vista di amanti delle belle caviglie.  Come nella foto sotto di Pinterest. Voi cosa ne pensate? Non sbizzarritevi.

sandalispiaggia

 

 

baycircuitrail

Il Bay Circuit Trail è quasi completato, ci ha assicurato la stampa qualche mese fa. Si tratta di un insieme di vecchi sentieri di cammino rivitalizzati grazie a gruppi di volontari regionali lungo i parchi del Massachusetts. Nella foto, una ricostruzione di David Butler del Globe.

Ripulire i tragitti per gli amanti dell’escursionismo è una scommessa ancora in corso da parte dei gruppi per la conservazione naturale dei paesaggi. Ciò prevede la continua manutenzione dei percorsi, la rimozione di alcune aree pubbliche delle strade in lotti da sviluppare, patii in legno da costruire in aree protette e non. Ecco intanto il sito con tanto di mappe. www.baycircuit.org

I residenti dunque cercano sempre un percorso di almeno 4 ore a contatto con la natura dove fare escursionismo, hiking, trekking, e non sanno che dietro casa hanno un paesaggio naturale incontaminato che li aspetta. Un turista, in questo caso, li scopre facilmente.

Ecco una lista di aree naturali da esplorare.

1)      Arcadia Wildlife Sancturay, Easthampton, (Mass. Audubon). Uccelli presenti: Martin Pescatore, Falco di palude, Airone Azzurro, Anatra Sposa. Non sono ammessi animali domestici. Telefono 413 584 3009, il sito è www.massaudubon.org/Nature_Connection/Sanctuaries/Arcadia/index.php

2)      I parchi del www.mass.gov/dcr si stagliano per la loro storia. Il primo è il Mount Holyoke Range State Park, Hadley-Belchertown (Mass. Departement of Conservation and Recreation) adatto anche per Cross-Country sci, in pratica sci di fondo. Il terreno è di un promontorio di origine vulcanica, per gli amanti delle sostanze minerali. Una rarità nel Nord-Est americano. Alto 1,106 feet. Per info, The Notch Visitor Center, 1500 West St. (Route 116) Amherst, telefono 413 253 2883 . Al 413 339 5504 si possono invece chiedere informazioni anche per il Mohawk Trail State Forest a Charlemont dove si possono noleggiare i famosi log-cabin in qualsiasi periodo dell’anno . E al 413 268 7098 si possono chiedere lumi sul Daughters of the American Revoluzion (DAR) State Forest, dove molti sciatori solitari si divertono anche d’inverno. Di rara bellezza è anche il Savoy Mountain State Forest, Florida, nei 1000 acri di fattoria abbandonata, cinque laghetti, due cascate. Non sono ammessi animali domestici e il parco è rintracciabile al 260, Central Shaft Road al 413 663 8469 e al 413 664 4800. I 7566 acri del Wendell State Forest, sulla parte Est del fiume Connecticut, fanno stiracchiare i muscoli a parecchi amanti dell’escursionismo, tra i numerosi laghetti e le macchie di foresta. Il numero di telefono è invece 413 659 3797

3)      Il Bear Swamp Reservation Ashfield è lungo solo 3 miglia, buono per i pigri e i romantici dei castorini che albergano nei laghetti, belli i torrenti e gli acquitrini. Rintracciabile per la Hawley Road al 413 532 1631. Il Chapel Brook Reservation ad Ashfield misura 1420 feet nei suoi 173 acri e offre grandi panorami, cascate, possibilità di climbing. Si raggiunge in Williamsburg Road al 413 532 1631. Se siete invece amanti di conifere, conigli, daini, falchi e aquile, il Bullitt Reservation, ad Ashfield-Conway risponde al numero 413 628 4485. Questi ultimi raggiungibili al sito www.thetrustees.org/places-to-visit

4)      Infine il Conway Hills Wildlife Sanctuary, Conway. 105 acri di fattorie abbadonate e foresta ne faranno una bella cartolina da mandare agli amici pantofolai, i couch-potato. Non sono ammessi animali domestici vicino i ruscelli da pesca. Si raggiunge sulla Route 116 al 978 464 2712 e al sito www.massaudubon.org/Nature_Connection

E se volete farvi una pedalata in bicicletta, venite con me. Scegliamo il tragitto in questo link www.boston.com/travel/explorene/specials/outdoors/galleries/biking_local/ sia che vogliate la riserva naturale protetta o no. Ma non mettetevi in flip-flop, in infradito. Perché? Lo scoprirete nel prossimo post. Al prossimo siparietto!

Spremere v.t.=Premere con forza per estrarne sugo e umido – Acume=Dal lat.Acumen, Acùere, rendere aguzzo; in senso fig. la forza del cervello affilata che penetra il vero delle cose

Personaggi teatrali

------------------------------
------------------------------
------------------------------

Un crotonese… pecorino a New York

Cerchi camera a New York?

Visita il mio appartamento. Prenota.

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 1.519 follower

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 1.519 follower

Più cliccati

  • Nessuna

Le statistiche del blog

Blog Stats

  • 59,664 hits

Temi

CINGUETTÌO D’IDEE

Per contattarmi sul Libro delle Facce

L’ITALIA CHIAMO’ – Radio Show U.S.A. chiama Italia

Programma di musica jazz e italiana contemporanea, risate e personaggi di un'Italia in fuga

giugno: 2013
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Mappamondo

NEW YORK, RACCONTI, STORIE, TRADUZIONI, LETTERATURA, GUIDE TURISTICHE, LUOGHI COMUNI SULL’AMERICA, BOSTON, VIDEO, RADIO, TEATRO, ARTE DI UN ITALIANO ALL’ESTERO

DA DOVE MI HANNO CERCATO

Chi sono

FILOTTETE MANFREDI. Blogger, Attore teatrale, Calabrese, come se la terza fosse una professione. Ho vissuto per 15 anni anche a Firenze proiettando al cinema come nel film di Tornatore, calcando teatri, lavorando nelle promozioni pubblicitarie e raccontando le news in radio: coltivando però la mia dote preferita, quella della curiosità. Poi a Boston, MA ho insegnato italiano alla Societa' Dante Alighieri, ho fatto il traduttore, la guida turistica e l'actor/performer della Commedia dell'Arte. Ho curato inoltre un podcast per l'Ufficio Scolastico del Consolato Generale d'Italia "Tutti in Classe". Nella stagione 2014 ho avviato l'esperimento comico nel programma radio L'ITALIA CHIAMO' su http://litaliachiamo.wordpress.com per poi da settembre a dicembre 2014 nel progetto radio televisivo www.litaliachiamo.com. Dalla fine del 2015 vivo a New York. Dopo tutto questo, essendo figlio e fratello di una sarta, sto cercando di ritagliare il tempo per tessere il mio primo libro di racconti.