Pulcinella mangioneCon un gruppo di amici foodie qui a Boston abbiamo istituito tra di noi una sorta di “Buona Forchetta Social Club”: ogni tanto ci riuniamo e tra il serio e il faceto ci facciamo le nostre degustazioni alla cieca. La prima volta fu con la Mozzarella, (ne scrissi qui in un post), poi venne il turno del Prosciutto crudo (nel link le foto). Poi passammo ai dolci, le palle di cioccolato al rhum, e chi vinse quest’ultimo decise che il prossimo sarebbe stato la pasta al ragu. Ora, decidere quale ragu sia il migliore è roba che sanno fare i MasterChef. Ma a noi non ci ferma nessuno.

Digiuni e affamati di buoni percorsi regionali su dove trovare prodotti locali qui nel Nord Est degli Stati Uniti,  la sfida sul prosciutto non ci impaurì tra due S.Daniele (uno di 18 e l’altro di 24 mesi) e due Parma (sempre di diverse stagionature). Vinse l’amico Riccardo, che guarda caso era raffreddato: non badò all’odore ma dal tatto e dal gusto. O forse era solo fortuna? E anche per questa successiva sfida non abbiamo nessun timore, ma come minimo uno deve esser nato immerso nel ragu. Il cibo a noi italiani importa molto, come anche a molti americani negli ultimi tempi. (Nel link un articolo in inglese del giornalista Salimbeni, sull’esportazione italiana). Per questo mi sono informato e ho deciso di condividere in rete la bellissima guida pubblicata dal dipartimento Agricoltura del governo del Massachusetts sui tragitti verso le cantine e le fattorie caseifici della Boston Area.(Nel link il pdf da scaricare).

Il tutto in 29 cantine e 18 caseifici. Il tragitto per il Massachusetts Centrale.

Non solo Tekenink Tomme (rustico, stile alpino), Prescott, Barndance (omaggio burroso all’Abondance francese), o Hardwick Stone (stile americano). Ma alla Robinson Farm potete trovare anche un semi soffice stile Taleggio. Si trovano anche vitigni sconociuti come il locale Catawba,  vino dolce venduto invece in questa fattoria nella foto qui sotto.

Hardwick-Winery-Entrance-BCO

Io, non vedo l’ora di vincere alla prossima degustazione. E so già, se vinco, quale tasting sceglierò: il formaggio. Ecco come mi preparo con l’avvento della primavera visto che le fattorie stanno pian piano per riaprire ai visitatori. Il Massachusetts non è da meno nell’assortimento di formaggi, sia di capra che di altro foraggio. E gli itinerari in giro per Boston sono utili per chi soffre appunto come noi italiani di cibo localite. Una felice “malattia” che sta contagiando l’America colta. Nella Hub infatti si trovano posti buoni dove mangiare, ne abbiamo parlato qui. Ma la campagna, dove la mettiamo?

Crystal-Brook-Farm-Grazing-Goats-BCO

Se andate inoltre sul sito turistico del nostro Stato troverete tutte le mappe delle fattorie con i link. Qui invece le mappe stradali delle fattorie con annesse cantine di vini locali. V

Vi piacciono anche le capre? Eccovi allora dove potete trovare il formaggio di capra nei dintorni di Boston

Oppure diabolicamente potrei proporre ai miei amici degustatori, come fare la mozzarella fatta in casa. Ognuno può degustare il prodotto finale dell’altro.

Si, di diabolico sarei pronto a fare di tutto. Pur di mangiare bene. E questo lo sa anche il mio alter ego sul palco, che a teatro ha rivolto il suo saluto affamato nella mia prima performance in English/Neapolitan. Al prossimo siparietto!