Esistono posti in Italia dove l’archeologia fa rima con turismo. Non a Crotone.  Il motivo?

Una bella giornata di Luglio mi trovavo con alcuni amici turisti, passando per gli scavi di Palazzo Foti,

all’incrocio di via Mario Nicoletta e via XXV Aprile. Infatti avevo letto sul portale del Turismo della Provincia che dopo il Parco Archeologico di Capocolonna , ci furono scavi di 12 saggi, assieme a dei carotaggi del terreno, che fornirono la presenza continua di uno strato archeologico di frequentazione, compreso tra il VII e il V secolo a.c., con minori presenze nel IV e III. Per la vastità e l’integrità dell’impianto urbano, sepolto sotto i sedimenti accumulatisi nel corso dei secoli, la scoperta era stata definita di grande rilevanza non solo per l’ambito nazionale e regionale, ma per tutto l’occidente. E che ci furono scavi negli anni successivi: Campitello (1979, nei pressi del Tribunale); Campo Sportivo (1979); G. V. Gravina Pignera (1981-1985, presso l’istituto magistrale);  e appunto via XXV Aprile (1989, palazzo Foti).

Cerco l’entrata ma era chiusa da una siepe.

Da lontano cerco di vedere i resti:

Ma non capivo da ingenuo a cosa servissero i materassi. Era un messaggio per dire che il turismo è in sonno?

La questione era molto più rude e meno filosofica. I materassi servono a questo:

   

Di chi è la colpa? Siamo sicuri che la risposta inizierà a contare lunghi giorni e settimane burocratici di scaricabarile dopo la pubblicazione di questo post.

E’ anche la citta’ dove sono nato, anche se cresciuto non tutti i giorni, ma che ho lasciato per ritornarci da turista. E dispiace vederne come simbolo venduto per strada.