Ognuno si fa la propria graduatoria. Come il tale paese è bravo in campo scolastico, come quel tal altro paese è pessimo nel sociale. E via discorrendo. E’ un copione. I giornalisti si buttano a pesce su ogni nuova graduatoria pronti a innescare le virtù e i difetti di un paese. I politici a volte prendono seriamente queste pagelle e a volte no. Soprattutto quando pensano che i produttori di graduatorie possano avere pregiudizi. Ma sulla Sanità non si scherza. C’è l’OMS (Organizzazione mondiale della Sanità) che rappresenta i governi. Ma, attenzione, c’è poi la società Health Consumer Powerhouse di Bruxelles, HCP, che diffonde graduatorie dalla parte dei consumatori. Ecco, sono sempre in conflitto tra loro: i paesi ai primi posti nella “graduatoria dei governi” sono spesso agli ultimi nella “graduatoria dei consumatori”. L’Italia, per fare un nome a caso, è addirittura seconda nella classifica OMS ma ultima in quella HCP. Solo per Francia e Regno Unito le due classifiche vanno più o meno d’accordo.
La graduatoria OMS è prevalentemente sullo stato di saluto della popolazione. Quella HCP è essenzialmente su quantità e qualità dei servizi sanitari. Nessuna delle due però parla di efficienza. Criteri che vanno comunque in contraddizione. L’Italia è in ottima posizione se si considera il risultato (la salute), soprattutto a causa delle abitudini alimentari. Ma in cattiva posizione se si considera la quantità e qualità dei servizi. Media, se si considera in quanto spende. L’esatto opposto degli Stati Uniti, che stanno male in salute (anche per lo stile di vita), ma hanno eccellenti servizi sanitari: sono disastrosi dunque sotto il profilo dell’efficienza.

Quello che vogliamo ricordare in questo inizio di primavera del 2010 è dunque un evento storico. Ricordate i racconti che ci arrivavano dagli Stati Uniti d’America quando ci dicevano che chi aveva un’assicurazione poteva pagarsi le cure mediche e, chi invece era povero moriva anche per un’appendicite? O di quelli che non potevano smettere di lavorare perché avevano bisogno della polizza che gli pagava l’azienda, o di quelli che facevano una vita di sacrifici per pagare ogni mese una rata troppo alta. C’erano anche quelli che dividevano le pillole a metà per risparmiare soldi, o che non potevano acquistarle del tutto. Non so se la nuova Riforma Sanitaria voluta da Obama possa contrattare sul prezzo dei farmaci, ma di sicuro è un primo passo contro la burocrazia e lo strapotere delle assicurazioni che negavano l’assistenza medica. ECCO COM’ERA PRIMA
«Abbiamo dimostrato che siamo ancora un popolo capace di fare grandi cose», ha commentato il presidente dalla Casa Bianca. La riforma estenderà i servizi sanitari a 32 milioni di statunitensi grazie all’allargamento del raggio di azione dei programmi di salute pubblica (Medicare, finora limitato ai cittadini con reddito al di sotto della soglia dell’indigenza) e grazie ai sussidi alle famiglie che non possono acquistare polizze assicurative private; vieterà anche alle compagnie assicurative di rifiutare le polizze a bambini o adulti con malattie congenite e impedirà di revocare le polizze ai già assicurati. Una riforma con la quale il 95% dei quasi 300 milioni di cittadini americani disporrà di una copertura sanitaria. Il costo per il bilancio statale di tutto ciò è naturalmente oneroso e verrebbe finanziato in parte con i tagli a Medicaid e in parte con nuove tasse ad hoc.

Anche se con tutte le critiche ricevute dagli stessi sostenitori e i DIFETTI DELLA LEGGE, uscita da lunghi compromessi…bisognerà aspettare come verrà applicata e quali problemi darà: andrà modificata? Quello che vogliamo far vedere è solo una svolta che intanto inizia a prendere piede nella mentalità degli statunitensi. Per questo, è proprio il caso di dirlo: Auguri America!