Puzzano come uno pneumatico a fuoco. Ed è vero. Per compagnia hanno piedi (ma a volte sono indossati anche in modo elegante come qui) che sembrano aver lavorato nella ricerca all’oro nei torrenti più lontani. La domanda è perché sempre più gente sceglie di calzare gli infradito (nel link belle foto di infradito su Pinterest) al posto di altri sandali, anche in vacanza quando servirebbero scarpe più comode. Se lo è chiesto il giornalista Christopher Muther del Boston Globe: “Vanno bene per la spiaggia e per pratiche passeggiate pomeridiane sulla costa. Hanno un loro posto, ma non deve essere la città, il posto di lavoro, o un bel ristorante. Gli infradito, i flip-flop, (nel link altre foto su Pinterest di varie opzioni creative) stanno diventando invasivi. Ho superato il limite quando un mio amico recentemente mi ha chiesto quale fosse il migliore infradito secondo me migliore per camminare a New York City! Nessuno, ho risposto, a meno che ti possa piacere il solletico dei becchi di piccioni e la ghiaia tra gli alluci. Sono esteticamente dannosi. Oltreché psichicamente. Secondo l’Associazione Podologi Americani l’uso di infradito economici fa aumentare tendiniti, fratture e altre malattie del piede”.

Anche recentemente su questo blog, un commentatore si è infervorito proprio riguardo l’argomento degli infradito sul post delle 70 cose che noi italiani abbiamo imparato in USA, in risposta alle 50 cose dell’amica americana a roma. Lo ha ripreso ancora Shelley, appunto da Roma, dove mi cita sui consigli di cosa non indossare da turista durante le vacanze nelle città italiane.

Troy Torgerson è un altro detrattore dei flip flops, tanto che ha creato un sito www.ihateflipflops.com (io odio i flip flop). Anche lui è d’accordo sul fatto che gli zombi hanno meno germi di chi indossa gli infradito. Vedete le foto per credere.

Ha fatto scandalo anni fa la foto della squadra femminile campionessa di lacrosse della Northwestern University dove in una visita alla Casa Bianca all’epoca di George Bush, indossarono quasi tutte gli infradito. Foto che fa rabbrividire sulla spontaneità (ad esser buoni), anche in occasioni ufficiali, di certi comportamenti quotidiani americani.

Flip Flop della Squadra femminile di lacrosse in visita alla Casa Bianca

Chi li ha difesi, nel dibattito pro-contro sul Boston Globe, è il giornalista Hayley Kaufman: “Sono troppo casual per i posti in cui vengono calzati? Forse. Ma pensiamoci, ci siamo rassegnati alle gonne lunghe ottocentesche, alle calze da Moulin Rouge, ai corsetti, e il mondo non è finito. Potrebbero essere abbinate con eleganti kimono in Giappone e nessuno batterebbe ciglio. Quelli tradizionali, i sandali grossi con la suola di legno alta, servono in realtà a proteggere il piede da eventuali scivolate sulla neve”.

Da parte mia, una scivolata è quel che si augura quando vengono indossati male. E se vengono abbinati bene, forse la scivolata può anche far piacere alla vista di amanti delle belle caviglie.  Come nella foto sotto di Pinterest. Voi cosa ne pensate? Non sbizzarritevi.

sandalispiaggia